Salò non revoca la cittadinanza onoraria a Mussolini - EntornoInteligente
Entornointeligente.com /

BRESCIA. – Cittadino onorario lo è dal maggio del 1924 e lo resterà almeno per i prossimi quattro anni. Fino a quando a Salò il paese sarà guidato dal sindaco Gianpiero Cipani, avvocato di centrodestra ex Forza Italia e al secondo mandato, che nell’ultimo consiglio comunale ha detto no alla cancellazione dell’onorificenza per Benito Mussolini che proprio a Salò fondò la Repubblica sociale italiana nel settembre del 1943.

E non c’è stato neppure un grande dibattito, considerato che la maggioranza compatta ha votato contro la mozione presentata dall’opposizione di centrosinistra e sulla quale lo stesso consiglio nell’aprile scorso, in piena campagna elettorale per le amministrative, non si era espresso rinviando la decisione.

Con 14 voti contro tre, il consiglio comunale del paese bresciano ha tenuto tutto come è da 96 anni, da quando il 23 maggio 1924, l’allora commissario prefettizio Salvatore Punzo, firmò il decreto di conferimento della cittadinanza onoraria a Mussolini. Il duce resta cittadino di Salò anche grazie al voto dell’eurodeputata della Lega Stefania Zambelli, che si è allineata alla maggioranza dell’aula, nonostante il Carroccio alle scorse elezioni amministrative non abbia sostenuto la ricandidatura del sindaco Cipani.

“E’ stata una mozione inutile”, l’ha definita la maggioranza che ha incassato pure il sostegno di Forza Nuova che aveva definito “sterile ed inopportuna quanto tardiva ed antistorica iniziativa” la richiesta di cancellare la cittadinanza onoraria al duce. “Quale sarebbe l’utilità di questo provvedimento? Quale il beneficio, oggi, a 100 anni, ne trarrebbe la comunità salodiana?”, è stato spiegato dai consiglieri di maggioranza del Comune di Salò.

Per il sindaco Cipani la revoca sarebbe servita solo “a rimestare sentimenti di odio e rivalsa, nocivi alla convivenza civile”. Aggiungendo poi che “l’unico modo per debellare l’ideologia sbagliata del fascismo è dimostrare con i fatti che la nostra idea di Stato, liberale e democratico, è quella giusta, e non attraverso una mozione strumentale e anacronistica”.

Proprio Salò due anni fa aveva ospitato, non senza polemiche, una mostra su Mussolini. “Il culto del duce”, un viaggio nel fascismo tra sculture, xilografie, dipinti, incisioni e ceramiche che furono funzionali alla propaganda politica. Ad oggi, oltre a Salò, sono 21 i comuni bresciani dove Benito Mussolini risulta cittadino onorario: Coccaglio, Bovegno, Capriano del Colle, San Zeno, Milzano, Adro, Barbariga, Bedizzole, Rovato, Salò, Virle, Manerba, Ghedi, Azzano Mella, Barbariga, Bornato, Provaglio d’Iseo, Soiano del lago, Trenzano, Brandico, Collio e Brescia. Nel capoluogo il dibattito sulla revoca è in corso da tempo.

LINK ORIGINAL: La Voce d Italia

Entornointeligente.com

Allanamiento a las oficinas de EntornoInteligente

Adscoins New Single

Adscoins

Nota de Prensa VIP

Smart Reputation