Per gli italiani la sanità del futuro è digitale » EntornoInteligente

Per gli italiani la sanità del futuro è digitale

Entornointeligente.com / ROMA. — L’Italia invecchia e si ammala di più e gli italiani chiedono di puntare sul digitale per affrontare questa nuova sfida. Nel 2040 ci saranno oltre 19 milioni di anziani e 28 milioni di cronici, con incrementi rispettivamente del 38,5% (+5,4 milioni di over-65) e del 12% (+3 milioni di cronici).

Per la sanità del futuro la grande maggioranza degli italiani (l’86,5%) vuole poter prenotare prestazioni sanitarie direttamente da smartphone, pc e laptop, l’86,6% vuole avere accesso alla cartella sanitaria ovunque e in modo semplice. Il 52% degli italiani si attende di vedere più efficienza, il 33,2% più umanità, il 33% più responsabilizzazione dei cittadini, il 30,8% più collaborazione tra i diversi soggetti della sanità, il 26% più equità. Oltre il 91% degli italiani approva l’uso della telemedicina purché resti centrale il rapporto diretto medico-paziente.

E’ quanto emerge dallo studio “I cantieri per la sanità del futuro”, realizzato da Censis e Janssen Italia e presentato a Roma. Per il ministro della Salute, Roberto Speranza, “è il tempo di un grande patto-Paese sulla salute”. “Vorrei che il termine essenziale della sanità del futuro sia la parola ‘prossimità’ del Servizio sanitario nazionale — ha detto — Non può essere l’individuo a seguire il Ssn ma l’inverso. La casa deve essere il primo luogo di cura”.

Per Speranza l’Italia è “uno dei primi Paesi del mondo per anzianità di popolazione”, ma che “fino a pochi mesi fa” aveva “una capacità del sistema di assistenza domiciliare sopra i 65 anni del 4%, con la media Ocse del 6%”. “È ora di far diventare diventare l’Italia il primo Paese in Europa: Germania e Svezia sono al 9%, io vorrei arrivare al 10%”, ha aggiunto.

Il ministro ha poi citato il Pontefice: “rimbombano le parole che disse Papa Francesco a piazza San Pietro, ‘il peggio di questa crisi è solo il dramma di sprecarla’ — ha sottolineato — bisogna tenere presente sempre quella frase. E’ necessario non sprecare la crisi: ora ci sono le condizioni per una nuova consapevolezza: ricominciare a investire sul Sistema sanitario nazionale con nuova forza”.

Del totale assegnato alla Missione salute dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), circa 10 miliardi saranno dedicati alla prossimità, al digitale e alle relative competenze. Per la sanità digitale, le esperienze realizzate finora in maniera indipendente dai vari territori hanno dato vita a una moltiplicazione di piattaforme e progetti, con il risultato che l’Italia vanta una babele di software, device, tecnologie.

Del digitale, secondo lo studio Censis-Janssen Italia, è “emersa la fragilità e, ad oggi, l’incapacità di informare di sé la sanità perché in troppi casi si è constatata l’insufficiente digitalizzazione o l’altrettanto pericolosa digitalizzazione dell’analogico che finisce per generare più danni che benefici”.

Per Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis, la transizione demografica, “ci obbliga a ripensare l’offerta sanitaria. Va compiuta una rivoluzione copernicana: va messo al centro il cittadino-paziente, non le strutture”.

(di Giampiero Valenza/ANSA)

LINK ORIGINAL: La Voce d Italia

Entornointeligente.com

www.smart-reputation.com
Smart Reputation Smart Reputation

Noticias de Boxeo

Boxeo Plus
Boxeo Plus
Repara tu reputación en Twitter con Smart Reputation
Repara tu reputación en Twitter con Smart Reputation

Adscoins

Smart Reputation

Smart Reputation